Data:
Consulta la scheda HOME
Consulta la scheda Legionella spp
Consulta la scheda Serbatoi ambientali
Consulta la scheda Le infezioni da Legionella
Consulta la scheda Epidemiologia delle legionellosi
Consulta la scheda Modalità di infezione
Consulta la scheda Prevenzione
Consulta la scheda Linee guida
Consulta la scheda Sistemi di controllo
Fattori di rischio per l'infezione

Il rischio di acquisizione della malattia dipende dalle caratteristiche del batterio, dalla suscettibilità individuale e dalle condizioni ambientali.

  • Microrganismo: la patogenicità è legata alla concentrazione del batterio, anche se nel caso di Legionella non è nota la dose minima infettante, alla virulenza del ceppo e alla sua capacità di sopravvivenza e moltiplicazione all’interno dei macrofagi.
  • Ospite: sono considerati più a rischio i soggetti di sesso maschile, di età avanzata, fumatori, consumatori di alcool, affetti da malattie croniche (broncopneumopatie ostruttive, malattie cardiovascolari e renali, diabete, ecc.) e con immunodeficienza acquisita in seguito ad interventi terapeutici (trapianti d’organo, terapia con steroidi e antitumorali, ecc.) o infezione da HIV.
  • Ambiente: tra i fattori di rischio ambientali sono di particolare rilevanza la modalità, l’intensità ed il tempo di esposizione. Giocano altresì un ruolo importante:

    1. alcune caratteristiche dell'acqua:

    - temperatura compresa tra 25 e 45°C

    - presenza di alghe ed amebe che forniscono nutrimento e protezione, anche in condizioni di temperatura elevata ed in presenza di biocidi

    - presenza di sostanze biodegradabili che favoriscono la formazione del biofilm

    - concentrazione di alcuni elementi in traccia (ferro, rame, zinco, ecc.)

    2. alcune caratteristiche dell’impianto idrico:

    - fenomeni di ristagno/ostruzione che favoriscono la formazione del biofilm

    - formazione di incrostazioni e depositi calcarei che offrono riparo dai disinfettanti

    - impianto di riscaldamento di tipo centralizzato dotato di estese reti di condutture, punti di giunzione e rami morti

    - presenza di un serbatoio di accumulo dell’acqua e di un sistema di ricircolo

    - fenomeni di usura e corrosione

    - vibrazioni o cambiamenti di pressione nel sistema idrico in seguito ad interventi di ristrutturazione interni e/o esterni all’edificio.